2019 elezioni europee

Il comunismo è un’ idea nuova in Europa! Per un appello dei partiti comunisti in Europa

, di  pam , popolarità : 2%

Il prossimo congresso straordinario dei comunisti francesi affronterà naturalmente le questioni dell’internazionalismo, delle lotte contro l’imperialismo e la guerra, della solidarietà dei lavoratori contro la globalizzazione capitalista, del diritto dei popoli all’autodeterminazione e alla sovranità, della solidarietà con i migranti in primo luogo contro le cause dell’immigrazione e le reti mafiose che li sfruttano, per la difesa del loro diritto alla dignità, per una politica di accoglienza che si inserisca in rapporti di reale cooperazione con i paesi di emigrazione.

In questo contesto, la preparazione delle prossime elezioni europee è un esercizio pratico che concretizza e illustra la diversità dei punti di vista e le sfide delle questioni internazionali.

La ricostruzione di un grande partito comunista in Francia è strettamente legata alla ricostruzione di un punto di vista comunista sul mondo, e quindi alla ricostruzione del movimento comunista internazionale. I contatti, gli incontri a livello di organizzazioni e di militanti si moltiplicano, come dimostrano le centinaia di comunisti di tutti i paesi europei, le migliaia di comunisti di tutto il pianeta, per il centenario della Rivoluzione d’Ottobre.

In Europa, i comunisti sono divisi. Coloro che sono più coinvolti nel Partito della Sinistra Europea come il PCF difendono il progetto di un’Europa sociale che sarebbe la risposta all’attuale Europa capitalista. Altri difendono l’uscita "da sinistra" dall’Unione europea come struttura della globalizzazione capitalista. Altri, come il KKE, insistono sul potere popolare e sulle lotte di classe in Europa, difendendo la costruzione del socialismo in Grecia come risposta alla dittatura europea.

Ma tutti possono trovarsi nelle lotte sociali contro le multinazionali europee, che siano inglesi, francesi, tedeschi o altri... organizzando la solidarietà internazionale dei lavoratori, e tutti devono ricostruire la legittimità di una prospettiva politica di cambiamento sociale.

Le elezioni europee saranno organizzate dalle forze politiche dominanti della sinistra e della destra attorno alle false divisioni che mascherano le responsabilità dei leader. In Francia, Macron si presenterà come il rappresentante della modernità contro gli arcaismi, della democrazia contro l’autoritarismo. I nemici sono ovvi, le destre finte sovraniste, le destre estreme. Il loro obiettivo è quello di impedire qualsiasi dibattito pubblico su cosa possa essere un’altra società liberata dal dominio delle oligarchie economiche.

Noi crediamo che i comunisti di tutta Europa, nonostante le loro divisioni, possano lanciare un appello comune a tutti i popoli, per affermare che la modernità è nel superamento del capitalismo, che il comunismo è una nuova idea in Europa.

Aprirebbe utili dibattiti su cosa possa essere un’altra società, una forma di socialismo adattata a ciascun paese, sulle condizioni necessarie del rispetto della sovranità politica dei popoli.

Il presente invito potrebbe incoraggiare l’elaborazione di liste nazionali ampiamente aperte agli attivisti di vari paesi europei e dei paesi del partenariato europeo (Mediterraneo, Europa orientale, ecc.).

Senza mascherare le differenze esistenti, potrebbe aiutare tutti i popoli d’Europa a prendere coscienza della possibilità dell’internazionalismo al di fuori della falsa opposizione tra la sottomissione ai diktat dell’Unione europea e la violenza dei nazionalismi di estrema destra.

Brevi Toutes les brèves

Navigation

Annunci

  • (2002) Lenin (requiem), texte de B. Brecht, musique de H. Eisler

    Un film
    Sur une musique de Hans Eisler, le requiem Lenin, écrit sur commande du PCUS pour le 20ème anniversaire de la mort de Illytch, mais jamais joué en URSS... avec un texte de Bertold Brecht, et des images d’hier et aujourd’hui de ces luttes de classes qui font l’histoire encore et toujours...

  • (2009) Déclaration de Malakoff

    Le 21 mars 2009, 155 militants, de 29 départements réunis à Malakoff signataires du texte alternatif du 34ème congrès « Faire vivre et renforcer le PCF, une exigence de notre temps ». lire la déclaration complète et les signataires

  • (2011) Communistes de cœur, de raison et de combat !

    La déclaration complète

    Les résultats de la consultation des 16, 17 et 18 juin sont maintenant connus. Les enjeux sont importants et il nous faut donc les examiner pour en tirer les enseignements qui nous seront utiles pour l’avenir.

    Un peu plus d’un tiers des adhérents a participé à cette consultation, soit une participation en hausse par rapport aux précédents votes, dans un contexte de baisse des cotisants.
    ... lire la suite

  • (2016) 37eme congrès du PCF

    Texte nr 3, Unir les communistes, le défi renouvelé du PCF et son résumé.

    Signé par 626 communistes de 66 départements, dont 15 départements avec plus de 10 signataires, présenté au 37eme congrès du PCF comme base de discussion. Il a obtenu 3.755 voix à la consultation interne pour le choix de la base commune (sur 24.376 exprimés).